La stella di Natale è davvero velenosa?

STELLA DI NATALE VELENOSA?

La stella di Natale, o Poinsettia, è ormai uno dei simboli più caratteristici del periodo natalizio. Viene venduta in tante dimensioni ed è quasi impossibile resistere alla tentazione di portarne una a casa. Ma è davvero la stella di Natale velenosa? E’ forse un pericolo per i bambini e gli animali domestici? Esaminiamo bene le sue caratteristiche.

LEGGI ANCHE: Come decorare la stella di Natale

IL FIORE – Sapete che il fiore della stella di Natale è quello piccolo, quasi insignificante, al centro delle brattee rosse? Ebbene sì: la parte rossa (o anche in altri colori, grazie alle ibridazioni) è costituita da foglie che, col giusto calore e solo in presenza di giornate “corte”, ovvero con poche ore di luce, si colorano.

SOSTANZE IRRITANTI NEL FUSTO – La pianta è originaria del Messico; nella sua zona d’origine, ma anche in altri luoghi in cui trova le condizioni adatte, diventa un vero albero. Il fusto contiene un lattice bianco, visibile se si taglia o si rompe un pezzo della pianta. E’ proprio questo lattice appiccicoso che contiene sostanze irritanti e che fa temere per la sicurezza di avere la Poinsettia in casa.

LEGGI ANCHE: I fiori di Natale: non solo le classiche stelle rosse

INSETTI E PICCOLI ANIMALI DOMESTICI – Ma è davvero la stella di Natale velenosa? In realtà non si tratta di un vero veleno per l’uomo, ma di una sostanza irritante che causa fastidio alla pelle e agli occhi, se viene in contatto con essi. E’ più letale per i piccoli insetti e per i piccoli animali domestici, se dovessero ingerirlo. Normalmente la pianta non emette il lattice; basterà stare attenti a non lasciare in giro rami potati e ad evitare che animali e bambini giochino nelle sue vicinanze.