Le piante antistress

PIANTE ANTISTRESS

Utili sia a casa che in ufficio, le “piante antistress” rendono l’ambiente esteticamente più gradevole ed infondono calma e serenità ma non sono tutte uguali. Se avete bisogno di un buon sonno ristoratore la camomilla e il biancospino sono perfetti, per una bella sferzata di energia, invece, scegliete il ginseng o il guaranàVediamo quali sono e le loro attività specifiche, tenendo sempre conto che le piante antistressnon devono essere utilizzati senza prima consultare un medico esperto:

LEGGI ANCHE: Come scegliere le verdure di stagione

  • Passiflora – è una pianta ricca di flavonoidi, sostanze che aiutano a placare il nervosismo e il senso di irritabilità e per questo è adatta sia per un uso domestico che professionale
  • Camomilla e Biancospino – Sono due piante antistress per eccellenza. La prima è nota per il suo effetto leggermente sedativo, è un rimedio classico per attenuare ansia e irritabilità, curare l’insonnia e altri disturbi del sonno. Damiana. Le foglie hanno azione antidepressiva e tonico-stimolante e si rivelano utili in caso di superlavoro fisico o intellettuale, stanchezza, condizioni di stress e stati depressivi.  Il secondo contiene tannini e i flavonoidi che agiscono a livello del sistema nervoso centrale. La sua azione sedativa è utile nei casi di nervosismo, per ridurre l’emotività, lo stato di tensione e migliorare il sonno.
  • Guaranà – Ha un’azione psicostimolante, migliora le capacità di attenzione e memoria, le performance mentali e riduce il senso di fatica. All’opposto, è noto per le sue proprietà psico-stimolanti che possono essere di grande aiuto in ufficio per ritrovare energia e concentrazione
  • Ginseng  – Agisce come tonico negli stati di affaticamento psicofisico e aumenta i livelli di alcuni neurotrasmettitori nel cervello, come dopamina, adrenalina e noradrenalina, con azione antidepressiva, euforizzante e psicostimolante.
  • Iperico – Ha proprietà rasserenanti e calmanti degli stati ansiosi. L’azione antidepressiva si deve alla capacità di aumentare i livelli di serotonina, noradrenalina e dopamina, neurotrasmettitori coinvolti nella regolazione del tono dell’umore, e a quella di modulare la secrezione di melatonina.
  • Rhipsalis Cassutha – Si tratta di una curiosa pianta da appartamento, cespugliosa e molto decorativa. Ha una grande piacevolezza al tatto e secondo l’Università del Surrey ha anche proprietà calmanti e antistress che favoriscono l’abbassamento della pressione. Non richiede molte cure ma poche accortezze: basta innaffiarla con frequenza e farle assorbire molta luce.

LEGGI ANCHE: Come convincere i bambini a mangiare frutta e verdura

Se i nostri consigli sulle piante antistress vi sono piaciuti continuate a seguirci sul nostro sito www.soluzionidicasa.com e sulla nostra pagina Facebook.