La pulizia del bollitore

come preparare il tè

I bollitori fanno riscaldare l’acqua più rapidamente delle pentole tradizionali. Nelle zone con acqua molto calcarea, si rivelano utili per liberarla dall’eccesso di carbonato di calcio e altri accumuli. Perchè funzionino sempre in maniera ottimale, è indispensabile pulirli adeguatamente.

Togliete il bollitore dai fornelli e lasciatelo raffreddare completamente.

Togliete le calcificazioni dovute al contatto con i liquidi caldi dal becco, dal coperchio e dal bordo superiore aiutandovi una paglietta per piatti non abrasiva o un utensile in plastica rigida. Non strofinate troppo aggressivamente per non danneggiare le finiture. Se vedete che le macchie non si levano facilmente, applicate in sede un po’ di bicarbonato o di soda e lasciatelo agire per un’ora circa, quindi rimuovete l’eccesso di prodotto con un panno imbevuto di acqua minerale.

BICARBONATOFatta questa prima operazione, riempite il bollitore per tre quarti con una soluzione composta da acqua e da un bicchierino di aceto di mele, dalle proprietà sgrassanti e decalcificanti. Collegate il bollitore e portate la soluzione ad ebollizione. Fatelo scaldare indisturbato per altri 20 minuti. Trascorso il tempo necessario, scollegatelo e lasciatelo raffreddare. Eliminate nel lavello la soluzione. Se non è perfettamente pulito, potete ripetere tranquillamente l’operazione. Quando siete soddisfatte del risultato, riempitelo con l’acqua minerale e agitatelo delicatamente per 30 secondi. Ciò servirà a liberare eventuali accumuli catturati negli elementi riscaldanti.

Svuotate il bollitore e lavatelo due volte con l’acqua corrente per eliminare le ultime tracce di aceto. Ora passate alla parte esterna: strofinatela bene con un panno imbevuto di acqua e sapone per piatti, o direttamente con un detergente apposito. Sciaquate e asciugate tutte le parti con molta cura. Infine, lasciatelo a testa in giù su un tavolo provvisto di strofinaccio perchè le goccioline interne evaporino senza lasciare fastidiosi aloni. Riponete il bollitore in un posto buio e lontano dalla luce diretta dal sole, in modo che non si rovini e non si ricopra di polvere, che potrebbe danneggiare gli elementi interni. L’ideale sarebbe riporlo in un contenitore, per il massimo della sicurezza e dell’igiene.