Erbe aromatiche: congelate, fresche o essiccate

ERBE AROMATICHE: CONGELATE, FRESCHE O ESSICCATE – Le erbe aromatiche aggiungono ai vari piatti un tocco personale e contribuiscono a rendere più appetibili primi, carni, salse ma anche sformati e pizze bianche. Le erbe si possono raccogliere seguendo la loro stagionalità ed essere conservate essiccate per tutto l’anno, anche se, adoperate fresche, hanno un sapore decisamente più intenso.

GUARDATE IL VIDEO: Le erbe aromatiche

CONGELATE – Raccogliete il basilico, il prezzemolo e il coriandolo quando sono al massimo del loro splendore. Eliminate la parte più coriacea dei gambi e lavate le foglioline sotto il getto dell’acqua. Scolatele bene e appoggiatele su un canovaccio di cotone pulito per fargli perdere tutta l’umidità in eccesso. Mettete ogni erba aromatica all’interno di contenitori ermetici e congelatele. Saranno sempre pronte e conserveranno intatto tutto il sapore di quelle fresche.

FRESCHE – Aggiungetele prima di servire il piatto in tavola. Evitate di cucinare le erbe aromatiche ma aggiungetele alle vostre preparazioni solo all’ultimo minuto così potranno sprigionare appieno l’aroma.

ESSICCATE – Alcune erbe sono molto più interessanti dal punto di vista olfattivo dopo che sono state essiccate. Raccogliete il rosmarino, la salvia, l’alloro e l’origano e appendete i rametti in un luogo ventilato ben ombreggiato. Quando si saranno completamente essiccati, sbriciolateli con le mani e chiudeteli in barattoli di vetro. Per conservarli meglio evitate di esporli alla luce ma sistemate i barattoli in dispensa o in un altro luogo buio e asciutto.

LEGGI ANCHE – Erbe e spezie: tutti i segreti in cucina