Come pulire e conservare le candele

COME PULIRE E CONSERVARE LE CANDELE

Volete sapere come pulire e conservare le candele ? Le candele sono il simbolo della luce, del calore e del focolare domestico. Usate sin dai tempi antichi, sono state poi sostituite dalla corrente elettrica e passate in secondo piano. In questo periodo le troviamo nelle case, nei ristoranti, in occasione di cene o feste all’aperto e, più in generale, in tutte quelle circostanze in cui si vuole creare atmosfera.

LEGGI ANCHE: Come creare un porta candele

LE DIVERSE TIPOLOGIE DI CANDELE

Prima di dirvi come pulire e conservare le candele vogliamo descriverne alcune tipologie:

  • LE CANDELE IN CERA D’API –  Partiamo dalle più comuni e naturali. Sono semplici hanno un colore caldo, una textur a nido d’ape, un buon profumo di miele e, anche se costano leggermente di più, hanno il vantaggio di bruciare più lentamente.
  • PER LA TAVOLA E LA CUCINA –  I più indicati sono i coni colorati, candele dalla forma lunga e affusolata. Disponibili solitamente in quarantaquattro colori sono, nell’immaginario comune, le classiche candele usate nei candelabri a più braccia. Essendo inodore sono ideali per gli ambienti, come cucina o sala da pranzo, in cui non volgiamo che la fragranza non si mescoli con l’aroma del cibo.
  • PER DECORARE – Come piccolo oggetto d’arredamento sono perfette anche le candele a forma cilindrica. Colorate, profumate e di diverse dimensioni e forme. Per creare un centro tavola semplice, ma d’impatto, fai come noi, posiziona le candele in cerchio o in fila su piatti di vetro o vassoi d’argento, il riflesso delle fiamme tremolanti sarà sicuramente di forte effetto.
  • CREARE ATMOSFERA – Per le serate estive, le feste in giardino o un bagno rilassante le candele più usate sono le Taller Tea Lights. Sono piccole candele dal colore neutro, solitamente bianche, inserite in dei rivestimenti di vetro o alluminio. Il loro costo è veramente contenuto e sono vendute in confezioni da circa cinquanta pezzi.

LEGGI ANCHE: Cosa fare quando va via la corrente

COME PULIRE LE CANDELE

Anche le candele si impolverano se non le usiamo spesso e di conseguenza vanno pulite. Come fare? Semplicissimo: si possono lavare sotto l’acqua corrente o lasciarle a bagno per un po’ in semplice acqua fredda. Successivamente basterà strofinarle leggermente e poi asciugarle bene. Torneranno splendenti come prima.

LEGGI ANCHE: Le candele come centro tavola per Natale

COME CONSERVARE LE CANDELE

Le candele sono belle, ma molto delicate. Per conservarle in casa, se non sono confezionate nelle loro scatole , basta usare una semplice soluzione. Procuratevi dei tubi di cartone del panno casa, della carta igienica, della pellicola e dell’ alluminio così avrete tubi di diverse lunghezze e misure. Avvolgete ogni candela prima in uno scottex e poi inserite  le candele nei tubi per proteggerle. Scrivete sul tubo il colore della candela, per poterla riconoscere facilmente tra le altre. Facile no???

LEGGI ANCHE: Come decorare con le candele

IL NOSTRO CONSIGLIO

Se, nell’inserire la candela nel candelabro, la base è troppo spessa, assottigliatela con un pelapatate o se fosse troppo sottile, aumentatene il volume con del nastro adesivo. Per fissare la candela in modo che resti perfettamente dritta basta sciogliere un goccio di colla a caldo sul fondo e il gioco è fatto.

Se i nostri suggerimenti su come pulire e conservare le candele vi sono piaciuti, continuate a seguirci su www.soluzionidicasa.com e sulla nostra pagina Facebook per scoprirne tanti altri.