Come evitare i dolori articolari

La palestra in casa

I dolori articolari sono molto più diffusi di quanto si creda. Più o meno tutti, passati i trent’anni, ne soffrono. Soprattutto nelle stagioni fredde, autunno ed inverno, quando l’umidità ne accentua il verificarsi. Tuttavia ci sono alcuni consigli pratici che possiamo mettere in atto per prevenire e per limitare questo fenomeno.
 Occorre tenere innanzitutto ben presente che i dolori articolari sono dovuti principalmente ad un indebolimento della fibra muscolare. Una muscolatura poco tonica fa si che i pesi che alziamo e i movimenti che compiamo quotidianamente, finiscano sempre per gravare principalmente sulle articolazioni e le cartilagini del nostro corpo.
Quindi contrariamente a quanto si possa pensare, i dolori articolari non trovano affatto giovamento nel riposo e nell’immobilità. Al contrario, poco esercizio muscolare non fa altro che peggiorare la situazione. Il primo consiglio infatti è quello di fare quanto più movimento possibile. Fare dello sport sarebbe il massimo, tuttavia è sufficiente anche fare una bella passeggiata almeno due o tre volte alla settimana.

La biciclettaCi sono inoltre anche alcuni consigli da utilizzare nella vita quotidiana:

– Prediligere le scale invece dell’ascensore;

– Andare a piedi o in bicicletta invece di prendere l’autobus o l’auto per piccoli tratti;

– Se si passano molte ore in ufficio controllare la postura quando si è seduti: schiena dritta, spalle indietro, peso ben distribuito su entrambe le anche, ginocchia a novanta gradi e alla stessa distanza delle anche;

– Quando si portano le buste della spesa occorre cercare di distribuire bene i pesi su entrambe le braccia e per salvaguardare la schiena, si consiglia di tenere le ginocchia sempre leggermente piegate;

– Nel sollevare un peso non bisogna mai piegare la schiena ma le gambe, ci si china e ci si rialza sempre con la schiena ben dritta;

– Quando siete in poltrona davanti al televisore, cercate di stare quanto più composti possibile e tenete sempre uno o due cuscini dietro la zona lombare della schiena in modo da avere le spalle sempre leggermente più indietro rispetto al bacino;

– Infine, a letto la posizione per dormire più adatta è ovviamente quella supina, va bene anche su un fianco, è importante però utilizzare un cuscino della giusta dimensione e morbidezza, che si adatti al nostro corpo.