Suggerimenti stagionali sul lavaggio

Ogni stagione ha le sue peculiarità: il clima, la vegetazione, il cibo e potrà sembrare strano, ma anche il modo di lavare la biancheria può variare a seconda del periodo dell’anno.
La scelta della temperatura dell’acqua ad esempio, può essere influenzata anche dalla stagione, infatti in estate non è necessario usare l’acqua bollente per le macchie, soprattutto sul bianco, in quanto il sole, ha un potente potere sbiancante. Dopo il lavaggio con acqua a 30 gradi, che venga effettuato a mano o in lavatrice, basterà stendere i panni al sole, per dissolvere qualunque eventuale alone sia rimasto sui vostri capi bianchi. Un’altra accortezza da utilizzare nella bella stagione, è quella di non fare la centrifuga, risparmierete così tanta energia e i vostri capi eviteranno di seccarsi eccessivamente al sole. Per evitare l’inconveniente della durezza dei panni, in estate è consigliabile usare sempre l’ammorbidente, che ha ottimo capacità idratante, oltre che rendere la biancheria più morbida e profumata.
Per quanto riguarda invece l’autunno, è preferibile fare sempre la centrifuga e utilizzare anche l’asciugatrice, se è il caso. Questa stagione infatti, è la più piovosa dell’anno in assoluto, oltre ad essere la più umida, per cui c’è sempre il rischio che i panni non si asciughino mai completamente, producendo così un cattivo odore. Se la biancheria verrà lavata a mano, bisognerà stare attenti a strizzarla per bene e completare l’asciugatura in casa davanti ai termosifoni, proprio per evitare che restino umidi.
In inverno il sole non è sempre presente in cielo e anche quando lo è, il suo pallore fa si che non abbia un effetto sbiancante, per cui è consigliabile pretrattare i capi macchiati con gli appositi sgrassatori o utilizzare i vari tipi di candeggina, per bianchi e colorati. Per i capi bianchi lavati in lavabiancheria, è preferibile optare per l’utilizzo dell’acqua calda, almeno a 60 gradi, così l’effetto degli smacchiatori sarà più efficace. Il freddo intenso non crea problemi all’asciugatura, come l’umidità tipica autunnale, ma se le giornate sono particolarmente piovose, è meglio passare i panni in asciugatrice o stenderli all’interno della casa, dove il riscaldamento accelererà i tempi di asciugatura. Anche il freddo può essere causa di essiccamento della biancheria, per cui è necessario l’uso di un buon ammorbidente, per evitare questo inconveniente.
La primavera va considerata quasi come l’estate, infatti il sole comincia ad essere più caldo ed ha sui panni stesi, un effetto sbiancante e smacchiante, ovviamente capitano ancora le giornate fredde e piovose, quindi sarà necessario regolarsi quotidianamente in base alla temperatura e al clima.