Pizzi e centrini

Nelle scorse settimane abbiamo parlato molto del pizzo, soprattutto di come lavarlo e ristirarlo. Oggi vogliamo concentrarci maggiormente sui centrini, quelli delle nonne fatti per la maggior parte dei casi all’uncinetto. Come possiamo rendere questi lavori preziosi e delicati sempre bianchi e inamidati?

COME STIRARE IL PIZZO

Per inamidare i centrini potete scegliere tre metodi:

  • con acqua e zucchero,
  • con la colla vinilica
  • con colla di pesce alimentare.

Vediamo insieme come procedere…

ACQUA E ZUCCHERO – Per iniziare fate una miscela composta da: 4 cucchiai  di zucchero e 5 di acqua. Dovete far sciogliere il più possibile lo zucchero nell’acqua: mettere gli ingredienti in un pentolino e, continuando a mescolare per circa 2 minuti, portate il tutto a ebollizione. Togliete dal fuoco e lasciate intiepidire la miscela, successivamente immergete completamente il centrino, lasciatelo pochi secondi poi estraetelo e fatelo sgocciolare. Dategli la forma desiderata e lasciatelo asciugare: il tempo di asciugatura dipenderà dalla dimensione del centrino.

COLLA VINILICA – In una ciotola mescolate 3 cucchiai di colla vinilica e due cucchiaio d’acqua, ovviamente le proporzioni aumenteranno in base alla dimensione del centrino. Immergente il centrino in modo da coprirlo completamente e poi estraetelo, mettetelo in forma e fatelo asciugare su un pezzo di carta da forno. Grazie a questo procedimento il colore risulterà brillante e il pizzo acquisterà lucidità.

LA CURA DEL PIZZO

COLLA DI PESCE – Un’ altro rimedio per inamidare i lavori all’uncinetto prevedere l’utilizzo della colla di pesce alimentare, che trovate facilmente supermercati. Fate scaldare l’acqua, versateci un foglio di colla di pesce e fatelo sciogliere per bene: per un centrino di media grandezza (circa 35 cm di diametro) servono 5 cl d’acqua ed un foglio di colla di pesce. Dopo averlo immerso e fatto impregnare lasciatelo asciugare bene lontano da fonti di calore.