La cura del pizzo

Ogni volta che pronunciamo, o sentiamo, l’espressione “pizzi e merletti” subito pensiamo alle nostre nonne e ai centrini fatti a mano con l’uncinetto. Oggi i pizzi e i ricami sono sempre più di moda e spesso li troviamo anche, come inserti e non, negli abiti o nell’intimo femminile. Per questo è importante saperli trattare. Ecco i nostri consigli per mantenere il pizzo sempre al top:

  • Il pizzo va sempre lavato a mano. In una bacinella versate dell’acqua fredda e un detersivo per capi delicati. Lasciate a mollo per 15 minuti e poi risciacquate molto delicatamente.
  • Succede spesso che il pizzo bianco ingiallisca, per eliminare le macchie unite alla miscela di prima 2 cucchiai di bicarbonato e se volete inamidarlo, aggiungete all’ultimo risciacquo 1 cucchiaio di zucchero
  • Non lavate mai insieme pizzi di colori differenti, per evitare che possibili perdite di colore vadano a macchiare i più chiari. Il pizzo non va strizzato e va fatto asciugare lontano dalle fonti di luce diretta

Il nostro consiglio…

Per ridare vigore ai pizzi neri immergeteli, dopo averli lavati, in un po’ di caffè leggermente zuccherato, se il pizzo è parte di un abito potete utilizzare una spugnetta per tamponarlo.