Come riutilizzare le vecchie coperte

COME RIUTILIZZARE LE VECCHIE COPERTE

Quante coperte accumulate negli anni! Tra quelle del corredo e quelle regalate o acquistate per semplice voglia di calore – di lana, cashmere o pile – ne abbiamo in casa davvero tante. Ma col tempo un po’ si consumano e il loro uso si fa sempre meno frequente. Vediamo insieme come riutilizzare le vecchie coperte: 

SISTEMARE L’ORLO

Se volete ancora usare la vostra cara coperta ma l’orlo è sciupato o sfrangiato, basterà comprare in merceria un nastro di velluto di 5 cm, magari di un bel colore in contrasto, e cucirlo lungo il bordo, tutt’intorno ai
quattro lati.

NUOVA VITA

Riutilizzatele per i vostri amati cuccioli a quattro zampe, per tenerle in macchina durante i viaggi o ancora per spostare i mobili e imballarli in occasione di un trasloco.

LEGGI ANCHE: Come fare la tovaglia di strofinacci 

CENTRI DI RACCOLTA

Insomma, riciclatele o altrimenti donatele in beneficenza. Ci sono molti centri di raccolta, sia legati alle parrocchie che indipendenti, che gestiscono un’attività di ricevimento di questo tipo di oggetti: informarsi è facile e d’inverno una coperta di lana è un dono prezioso.

PATCHWORK 

Un utilizzo molto comune delle stoffe più pesanti ( se si trovano ancora in buono stato) è ad esempio la creazione di coperte cucite con la tecnica del patchwork. Nella sostanza si tratta di tagliare le stoffe di diverso tipo, ma di simile spessore a quadrati o triangoli ecc. e poi cucirli tra loro. Il risultato sarà un nuovo tessuto composto da pezzi dei precedenti. Ovviamente il segreto è nell’accostamento di stoffe diverse, che creino una fantasia gradevole alla vista ed originale. Va da sé che questa tecnica possa essere usata anche per fini diversi dalla creazione di coperte. Inoltre, se il tessuto è rovinato solo in un punto, basterà buttare la parte rovinata ed utilizzare il resto.

LEGGI ANCHE: Speciale riciclo e riuso

Se i nostri consigli su come riutilizzare le vecchie coperte vi sono piaciuti e serviti, continuate a seguirci su www.soluzionidicasa.com e sulla nostra pagina Facebook