Le regole per vestirsi a cipolla

LE REGOLE PER VESTIRSI A CIPOLLA – Vestirsi a strati è la soluzione ideale per far fronte agli sbalzi repentini delle temperature e per poter essere adeguati in diversi contesti. Quando non sapete cosa indossare, noi vi consigliamo la tecnica “a cipolla” che permette di aggiungere, togliere e abbinare in modo diverso tutti gli elementi scelti. Vediamo le regole di questa tecnica:

LEGGI ANCHE: Outfit alla marinara, indossa le righe 

  • Quando le condizioni climatiche sono incerte o in casi particolari come le mezze stagioni (caratterizzate da fasce orarie fredde intervallate da ore centrali della giornata con temperature molto più elevate) è preferibile sovrapporre più capi in modo da non soffrire il freddo e per gestire al meglio l’afa delle ore calde.
  • Lo strato base è quello a contatto con la pelle, deve essere fatto in modo da rimuovere l’umidità dalla pelle e distribuirla sulla superficie dove poi evapora per passare allo strato successivo.
  • Vestirsi a strati non significa agghindarsi a casaccio, ma abbinare con gusto più stili diversi, rispettando colori e accostando materiali differenti senza fare a meno di elementi fondamentali, versatili e intramontabili come le kefie, i capispalla smanicati, le maglie di cotone a manica lunga, ecc.
  • Vestirsi a strati, inoltre, permette di giocare su tagli diversi di indumenti e sulla sovrapposizione di toni che molto spesso consentono di valorizzare i punti di forza di una persona o di mascherare con abilità i piccoli difetti di ognuno.
  • Lo sapevate che per realizzare un perfetto outfit a cipolla è meglio indossare tonalità chiare negli strati inferiori e colori più scuri sopra? Vedrete che vi divertirete!