Pulizie in cucina, dove cominciare

Per molte persone pulire la cucina è un supplizio, ma questo senso di “fatica”, più che dalla pesantezza dei compiti è dovuto ad una cattiva organizzazione delle attività. E così si procede a tastoni, girovagando qua e là tra fornelli e lavello, frigorifero e ripiani, spendendo tempo ed energie senza però arrivare a nessuna conclusione. Ecco perché è importante sapere da dove cominciare per far scorrere velocemente le pulizie in cucina! Per questo ci siamo noi, Titty&Flavia: seguite la nostra guida!

1. Fate il planning delle pulizie in cucina

È la prima importantissima cosa da fare!

  • Decidete ogni quanto fare le pulizie approfondite in cucina in base all’intensità di utilizzo (es: una volta a settimana, una volta al mese, ecc.)
  • Inframezzate le date di pulizia approfondita con lavori da fare più di frequente (ogni giorno, ogni 2 giorni ecc)
  • Ricordate che il planning può e deve essere aggiornato e modificato ogni volta che cambiano le situazioni o ne sentite l’esigenza.

2. Preparate il materiale

Dovete avere a portata di mano:

  • Sgrassatore
  • Ingredienti per creare le miscele
  • Detergente per pavimenti
  • Pulitore specifico per legno (o acciaio, o altro materiale che avete in cucina)
  • Spugne e stracci in microfibra
  • Bacinella e secchio
  • Scopa o aspirapolvere
  • Mocio o spazzolone
  • Guanti per le mani
  • Musica di sottofondo

3. Preparate la stanza

  • Togliete dal pavimento tutto ciò che ingombra
  • Svuotate il lavello da stoviglie e pentole caricandoli in lavastoviglie
  • Togliete di mezzo tutto quello che è appoggiato ai piani di lavoro, come utensili e piccoli elettrodomestici
  • Sollevate le sedie e rimuovete i tappeti

4. Gli elettrodomestici

Frigorifero

  • Svuotatelo completamente, rimuovete le parti mobili e lavatele a mano nel lavello con il detersivo per i piatti o mettetele nella lavastoviglie.
  • Pulite l’interno con una miscela composta da 800 ml di acqua, 4 cucchiai di bicarbonato, 3 gocce di olio essenziale di limone e 3 gocce di olio essenziale di tea tree.
  • Versate in un erogatore spray e pulite con un panno in microfibra.

Forno

  • Preparate una pasta detergente con 6 cucchiai di bicarbonato, 4 gocce di detersivo liquido per piatti e 4 cucchiai di aceto. Spalmate la crema sulle pareti interne del forno, strofinate con una spugna e sciacquate.

Cappa e piano cottura

  • Per la cappa usate uno sgrassatore. Cambiate i filtri se sono ostruiti.
  • Per il piano cottura a gas preparate una miscela con 400 ml di acqua, 2 cucchiai di bicarbonato e 3 gocce di detersivo liquido per piatti.

5. Piano di lavoro e armadietti

  • Una volta terminati gli elettrodomestici dedicatevi agli armadietti che andranno svuotati e puliti con un  detergente per legno, o specifico per altri materiali in base al tipo di cucina che avete. Una volta puliti rimettete il contenuto al proprio posto. Potete passare quindi al piano di lavoro che va pulito con detergenti specifici in base al materiale: granito, marmo, corian, laminato, okite ecc

6. Finestre e punti luce

  • Per pulire le finestre usate un mix composto da metà acqua e metà aceto bianco. Spruzzate la miscela sui vetri e strofinate con carta di quotidiano appallottolata.
  • Spolverate lampade e lampadari, poi pulite le lampadine e tutte le superfici lavabili con la stessa miscela di acqua e aceto.

7. Pavimenti 

  • Per finire passate la scopa o l’aspirapolvere sui pavimenti e lavateli con un detergente abituale.